AIGBA Associazione Internazionale Giardini Botanici Alpini 

Home  |   Chi siamo  |   Statuto  |   Regolamento  |   Giardini AIGBA  |   Photogallery  |   Aigba-notes  |   News  

Lo statuto dell'AIGBA
Denominazione - Sede - Scopo

Art. 1 - E' costituita l'Associazione denominata: "Associazione Internazionale Giardini Botanici Alpini' (in sigla A.I.G.B.A.).

Art. 2 - Essa ha sede in Domodossola, Via Mauro n. 67, presso l'Istituto Studi Alpini Internazionale.

Art. 3 - L'Associazione è apolitica, è costituita a tempo indeterminato e non ha scopo di lucro. Ha per oggetto l'attività di studio, dì difesa e di conservazione della flora alpina di ogni continente. L'Associazione promuove incontri scientifici, culturali e programmi di ricerca direttamente o in collaborazione con Giardini Botanici Alpini soci, con Istituti Universitari, con Enti pubblici o privati a beneficio dei propri associati. Promuove e/o organizza escursioni di studio almeno una volta all’anno per i propri soci. L'escursione principale, momento centrale della vita associativa, assume il carattere e la denominazione di "congresso internazionale".

Patrimonio ed esercizi sociali

Art. 4 - Il patrimonio è costituito dai beni di qualsiasi natura che diverranno di proprietà dell'associazione, da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio, da eventuali erogazioni, donazioni o lasciti.
Le entrate sono costituite dalle quote sociali e da ogni altra entrata che concorra ad incrementare l'attivo sociale.

Soci

Art. 5 - Vi sono due categorie di soci:
- sono soci ordinari le società od associazioni costituite per la tutela dei giardini botanici alpini; le persone fisiche interessate a tale problema;
- sono soci aggregati le società od associazioni e le persone fisiche che attendono la ammissione alla categoria dei soci ordinari; i simpatizzanti; i familiari dei soci ordinari che lo desiderano.
Per divenire socio, ordinario o aggregato, occorre che la domanda di ammissione venga accolta dal Consiglio Direttivo e che sia versata - a seconda della categoria di soci di appartenenza - all'atto della ammissione la quota di associazione che verrà stabilita annualmente dal Consiglio stesso. Non possono essere soci le persone od enti che hanno interessi contrastanti o in concorrenza con l'associazione.
La qualità di socio si perde per decesso o scioglimento, per dimissioni, per morosità o per indegnità. La morosità e indegnità verranno sancite dal Consiglio.

Art. 6 - I Soci Ordinari hanno diritto di voto per gli affari della A.I.G.B.A.; a loro spetta eleggere il, Consiglio Direttivo ed il Collegio dei Revisori.

Organi, Amministrazione e Rappresentanza

Art. 7 - Sono organi dell'Associazione: l'Assemblea dei Soci Ordinari, il Consiglio Diretiivo, la Presidenza, la Segreteria, il Collegio dei Revisori dei conti.

Art. 8 - Le cariche sociali sono elettive e non retribuite. I Soci Ordinari eletti alle cariche sociali svolgono un mandato triennale; alla scadenza possono essere rieletti.  In caso di rinuncia o di morte di un consigliere o di un revisore, a questi subentra il primo nella gmduatoria dei votati non eletti.

Art. 9 - Il Consiglio Direttivo, cui spetta la gestione della associazione senza alcuna limitazione, è composto da un numero minimo di sette membri; dei quali almeno tre quarti devono essere Soci Ordinari e rappresentanti ufficiali - delegati - singoli di “giardini botanici alpini”.
Il Consiglio nomina nel proprio seno un Presidente, un Vicepresidente e un Segmtario.  Al Presidente, ed in sua assenza al Vicepresidente, spetta la legale rappresentanza della associazione anche in ogni grado di giudizio.

Art. 10 - Il Collegio dei Revisori, al quale compete il controllo della gestione economica e patrimoniale della associazione, si compone di un numero dispari di membri, con un minimo di tre. Essi dovranno accertare la regolare tenuta della contabilità sociale e redigere la relazione ai bilanci, ed hanno anche singolarmente il potere di compiere atti di ispezione.

Art. 11 - Il Presidente convoca il Consiglio direttivo almeno due volte all'anno mediante comunicazione scritta inviata almeno quindici giomi prima della data fìssata e contenente la località della riunione e l'ordine del giomo.

Art. 12 - Il Presidente su delibera del Consiglio difettivo convoca l'assemblea ordinaria annuale dei soci e le Assemblee Straordinarie. La convocazione dell'Assemblea Straordinaria può essere richiesta da almeno cinque soci ordinari che presentino una motivata domanda scritta al Presidente.

Art. 13 - L'Assemblea delibera a maggioranza di voti e con la presenza di almeno la metà degli aventi diritto sia in sede ordinaria che in sede straordinaria; in seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti.  Per le deliberazioni di scioglimento e devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati.
Ciascun socio potrà farsi rappresentare in Assemblea da altro socio ordinario, che non sia membro del Consiglio Direttivo, mediante delega conferita per iscritto.
Le deliberazioni dell'Assemblea ordinaria potranno essere raccolte ed adottate anche per corrispondenza,  secondo le modalità precisate dal Regolamento dell'Associazione.

Art. 14 - L'Assemblea ordinaria approva la relazione consuntiva redatta annualmente dal Consiglio Direttivo e presentata dal Presidente insieme al programmma dell'attività sociale.
Delibera inoltre sull'ammontare della quota sociale proposto dal Consiglio Direttivo.

Norme finali

Art. 15 - L'Associazione potrà dotarsi di un regolamento per agevolare la svolgimento della proprie. attività.

Art. 16 - Tutte le eventuali controversie tra soci e tra questi e l'associazione o suoi Organi, saranno sottoposte, con esclusione di ogni altra giurisdizione, alla competenza di tre Probiviri da nominarsi dall'assemblea. Essi giudicheranno ex bono et aequo senza formalità dì procedura. Il loro lodo sarà Inappellabile.

Art. 17 - Lo scioglimento dell'Associazione è deliberato dall'assemblea dei Soci, che provvederà alla nomina di uno o più liquidatori e delibererà in ordine alla devoluzione del patrimonio.

Art. 18 - Per quanto non menzionato nel presente atto si fa rinvio alle nomine del Codice Civile Italiano.
^ Torna a inizio pagina